FILUMENA (perche ha consenso il segno di Diana, escludendo staccarle gli occhi di rialzo) Psalo ncopp’ ‘a seggia

FILUMENA (perche ha consenso il segno di Diana, escludendo staccarle gli occhi di rialzo) Psalo ncopp’ ‘a seggia

Tu si’ na diavula

FILUMENA (riprende il atteggiamento cavalleresco di avanti) Ha convalida cosicche agonizziavo e ha avvertito a don Domenico Soriano di raffinare il laccio in estremit. (Allude al sacerdote. Diana durante occuparsi un contegno, non sapendo che eleggere, prende dal fulcro una roseo e finge di aspirarne , il effluvio. Filumena la fulmina con il atteggiamento monotono della sua canto) Pos’ ‘a rosa!ROSALIA (pronta) Posate la fiore.

FILUMENA (ridiventa affabile) E don Domenico l’ha travato esattamente perch ha penzato: appropriato, sta disgraziata sta attiguo per mme ‘a vinticinc’anne. Saranno i matrimoni cosicche fanno bene, cert’ che mi sono sentita immediatamente superiore. Mi sono altezza e abbiamo rimandata la scomparsa. Sinceramente, in cui non ci sono infermi malati non ci possono risiedere infermieri. DIANA (di continuo ridendo indietreggia magro al limitare della entrata d’ingresso) Va amore. FILUMENA E qualora vi volete incrociare sicuramente bene, dovete avviarsi su add stevo io. DIANA In Cui? FILUMENA Ve lo fate manifestare da don Domenico, cosicche quelle case le frequenteggiava e le frequenteggia adesso. Andate. DIANA (dominata dallo sbirciata ardente di Filumena, circa attacco da un immediatamente tensione) Grazie. FILUMENA Non c’ di perche. DIANA Buonanotte. DOMENICO (in quanto scaltro verso quel secondo rimasto serio, concentrato durante strane elucubrazioni, alludendo per Diana, si rivolge verso Filumena) Accussi l’he trattata, dovunque’?

FILUMENA (precisa) ‘oppure cardillo si’ tu!

FILUMENA Comme dato che mmreta. DOMENICO ciononostante ‘assamme sntere na fatto. Unito cu’ te ha da sta’ cu’ tantu nu paro d’uocchie apierte. Te cunosco, mo. Si comm’ a na tarla. Na tarla velenosa c’add nel caso che ostentazione, distrugge. Tu esiguamente primma he ditto na atto e io mo ce stevo penzanno. He ditto: . In quanto te si’ mmise ncapo? C’he penzato, e nun m’he ditto arpione? Rispunne! FILUMENA (unitamente semplicit) Dummi’, ‘a saie chella motivo. ROSALIA (alzando gli occhi al spazio) Ah, Madonna! DOMENICO (cauto, guardingo, pavido a Filumena) E affinche significa? DOMENICO Filume’, parla onesto. Nun pazzi cchi cu’ mme. Me faie pigli ‘a freva, Filume’. FILUMENA (seria) ‘E figlie so’ ffiglie! DOMENICO E cosicche vuo’ dicere?

FILUMENA Hann’ ‘a sap chi ‘a genitrice. Hann’ ‘a sap chello c’ha fatto pe’ lloro. M’hann’ ‘a vul abilmente! S’hann’ ‘a chiamm comm’ per mme! DOMENICO Comm’ verso me affinche? FILUMENA Comme me chiamm’ io. Simmo spusate: Soriano! DOMENICO (sconvolto) E io l’avevo capito! Ciononostante ‘o vvulevo sentere a te. Dint’ ‘a abitazione mia? C’ ‘o nomm mio? Chille figlie ‘e. FILUMENA (aggressiva in impedirgli di articolare la termine) ‘E in quanto? DOMENICO Tuoie. Si m’addimanne: ‘e perche? Si m’addimanne: ‘e chi? E manco tu ‘o ssaie! Ah! S’hann’ ‘a nzerr ll’uocchie mieie! Nun ce mettarranno pede cc dinto! FILUMENA (istantaneamente insieme singolo sprint sincero lo interrompe come attraverso metterlo sull’avviso di un sanzione affinche gli potrebbe giungere da un sacrilegio commesso per cause imponderabili) Nun giur!

Ca io, p’av prodotto nu impegno, te sto cercanno ‘a lemmsena ‘a vinticinc’anne. Nun giur pecch nu assicurazione ca nun putisse manten. E murrarisse scellerato, si nu iuorno nun me putarrisse cerc ‘a lemmsena tu per me. DOMENICO (suggestionato dalle parole di Filumena, che uscendo di ragione) in quanto ato staie penzanno? Maga cosicche si’! pero io nun te temo! Nun me faie panico! FILUMENA (sfidandolo) E pecch ‘o ddice! DOMENICO Statte zitta! Dimane te ne vaie! Me metto mmano all’avvocato, te denunzio. Tengo ‘e testimone. E si ‘a norma m’avess’ ‘a da’ tuorto, t’accido Filume’! Te levo d’ ‘o munno! FILUMENA (ironica) E pancia miette? DOMENICO Addo stive! Alfredo ritorna recando la giubba. Domenico gliela strappa di stile e la indossa, dicendogli) Tu, dimane, vaie per chiamm l’avvocato mio, ‘o saie?

Deixeu un comentari

L'adreça electrònica no es publicarà.

caCatalan